È lo strumento che consente di restituire la masticazione ed il sorriso a chi ha perso dei denti coinvolgendo il lavoro sia del medico che del tecnico di laboratorio. 

Si distingue in protesi mobile (quella che può essere rimossa dal paziente) e protesi fissa (cioè che non può essere rimossa dal paziente). Quest’ ultima può essere realizzata in diversi materiali secondo le esigenze estetiche del paziente (resina o ceramica con strutture di sostegno in diversi materiali a seconda della naturalezza che si vuole dare all’aspetto del dente).

La protesi fissa si può ancorare o ai denti naturali o agli impianti. Quest’ultimi, che sono definiti anche “protesi radicolare”, necessitano di una quantità minima di osso per essere posizionati. In mancanza di questa si rende necessario il ricorso a tecniche più complesse come gli impianti zigomatici (arcata superiore) o gli innesti ossei.

Scopri cosa sono gli impianti zigomatici >>