L’implantologia è la branca più recente dell’odontoiatria riabilitativa. Consente di sostituire i denti mancanti con nuovi denti sostenuti da radici artificiali: gli impianti. È  una metodica molto affidabile e non dolorosa che spesso può essere associata all’estrazione di denti compromessi, consentendo al paziente di tornare quanto prima ad una situazione normale con disagi molto contenuti.

L’implantologia richiede un’accuratissima fase diagnostica che deve considerare aspetti funzionali ed estetici.
 Oggi, anche grazie alla collaborazione con la prof. Chantal Malevez dell’Universitè Libre de Bruxelles, siamo in grado di offrire la possibilità di riabilitazione implantare anche a pazienti con riassorbimenti ossei molto marcati con un solo intervento utilizzando gli impianti zigomatici. Si tratta di una tecnica innovativa eseguita attualmente in pochi centri al mondo, di cui andiamo molto fieri poiché permette di ottenere risultati in tempi molto brevi.

Curiosità:

la domanda che viene più di frequente posta all’implantologo riguarda il rischio di “rigetto”. È bene sapere che gli impianti non sono soggetti al fenomeno del “rigetto”, evento che riguarda solo l’inserimento nel corpo umano di tessuti vivi (ad esempio il cuore) che hanno un corredo proteico che l’organismo riconosce come non proprio.